Stimolazione midollare ad alta frequenza

Dic 17 • NEWS • 2040 Views • Nessun commento su Stimolazione midollare ad alta frequenza

Nel Servizio di Anestesia, Rianimazione e Terapia Antalgica dell’Ospedale Martini diretto dal Dott. Luigi Parigi, viene utilizzata la stimolazione midollare ad Alta Frequenza per il trattamento del dolore cronico della colonna vertebrale e/o degli arti inferiori, incluso il dolore secondario a ripetuti interventi sulla colonna (failed back surgery syndrome).

La stimolazione midollare è una tecnica che prevede l’erogazione di correnti elettriche (generalmente a bassa frequenza 50- 80 Hz) alle strutture midollari, attraverso il posizionamento di un elettrodo nello spazio epidurale, modulando così la trasmissione degli impulsi nocicettivi.

La stimolazione ad alta frequenza (10000 Hz) risulta più efficace di quella utilizzata nella stimolazione tradizionale sia per quanto riguarda il trattamento del dolore lombare sia per il dolore agli arti inferiori (Kapural et al., 2015)

Oltre ad un miglioramento in termini di efficacia, la terapia ad alta frequenza toglie anche tutti i fastidi derivanti dalla stimolazione in bassa frequenza e che talvolta ne limitavano l’uso: i pazienti trattati con questa metodica infatti, non percepiscono la stimolazione ma solamente un sollievo dal dolore, al contrario della terapia classica in cui l’efficacia antalgica era legata alla sensazione delle parestesie (formicolio) nella zona interessata dal dolore.

Questa tecnica è un approccio specialistico nel trattamento del dolore in caso di fallimento di altre terapie.

 

DOTT. LUIGI PARIGI

TORINO

luigialfonso.parigi@aslto1.it

« »