NUOVI TRAGUARDI PER LA CARDIOLOGIA

Mar 22 • NEWS • 1656 Views • Nessun commento su NUOVI TRAGUARDI PER LA CARDIOLOGIA

Alte tecnologie al San Raffaele per pazienti ad alto rischio. Onde d’urto se angioplastica e bypass non sono praticabili, interventi mininvasivi sulla valvola mitrale ed ecocardio in 3D

Le malattie cardiache colpiscono anche soggetti giovani nel pieno delle proprie attività. Per non incorrere in invalidità o mettere a repentaglio la vita è necessario saperne interpretare i segnali tempestivamente rivolgendosi a professionisti qualifcati e a strutture d’avanguardia. L’Unità cardiologica dell’Ospedale San Raffaele di Milano, diretta dal professor Margonato è centro di eccellenza nel panorama sanitario italiano. Alberto Margonato è professore di cardiologia presso l’università Vita-Salute San Raffaele e direttore di Cardiologia clinica e Unità coronarica dello stesso ospedale. Classe 1951, ha all’attivo migliaia di interventi dai risultati sorprendenti. “Nel nostro centro – dichiara il professore – trattiamo le malattie delle coronarie sia acute sia croniche. Abbiamo una vastissima esperienza in angioplastica, quindi nella rivascolarizzazione non chirurgica delle coronarie. Interveniamo anche su pazienti dove non son più praticabili bypass e angioplastica. Utilizziamo una macchina che sfrutta le onde d’urto per creare dei nuovi circoli collaterali, in modo da portare il sangue alle zone dove l’arteria principale è rimasta occlusa. Nei casi trattati abbiamo dati davvero incoraggianti” Altro metodo innovativo è la riparazione della valvola mitrale con la tecnica mitraclip, per via percutanea, quindi senza intervento cardiochirurgico. Si applica una clip, un fermaglio, sulla valvola che non tiene più per fermare la valvola stessa e fare in modo che svolga ancora la sua funzione. Si ha dunque una degenza più corta e non serve terapia intensiva. “Eseguiamo anche sostituzione della valvola aortica con la tecnica TAVI – aggiunge -. Sempre per via percutanea e senza intervento cardiochirurgico”. C’è ancora un’altra innovazione all’Ospedale San Raffaele per la quale il professor Margonato e la sua équipe hanno prodotto numerose pubblicazioni. “Utilizziamo ecocardiografa tridimensionale per lo studio dei pazienti che devono poi essere sottoposti alle terapie per via percutanea. In modo non invasivo – sottolinea Margonato – possiamo visualizzare bene tutte le caratteristiche anatomiche delle valvole. Inoltre, in collaborazione con l’Unità di Medicina nucleare eseguiamo anche TAC delle coronarie. Anche in questo caso eseguiamo valutazioni in modo non invasivo”. La cardiologia del San Raffaele è talmente all’avanguardia per chirurgia, diagnostica e terapie, che oltre il 40% dei pazienti afferiscono dal di fuori della Lombardia e sempre più medici stranieri chiedono fellowship presso l’Unità del professor Margonato.

 

MILANO

tel. (+39) 02 26437395

margonato.alberto@hsr.it

« »