INSUFFICIENZA VENOSA CRONICA: IL PROBLEMA, LE CAUSE, I FATTORI DI RISCHIO

Mar 29 • NEWS • 1229 Views • Nessun commento su INSUFFICIENZA VENOSA CRONICA: IL PROBLEMA, LE CAUSE, I FATTORI DI RISCHIO

Il termine di insuffcienza venosa cronica (IVC) descrive una condizione che colpisce il sistema venoso degli arti inferiori con ipertensione venosa che provoca disturbi quali dolore, gonfiore, edema, modificazioni cutanee e ulcerazioni.

È causata da un ridotto deflusso di sangue venoso dalle gambe verso il cuore per dilatazione, allungamento e tortuosità delle vene degli arti inferiori, secondaria a insufficienza congenita o acquisita della parete vasale e delle valvole venose.

Nello stadio più avanzato si possono formare varici. Quelle primitive sono favorite da: sedentarietà, gravidanza, stazione eretta o seduta prolungata. Le varici secondarie sono in genere conseguenti a un processo post-flebitico e/o post-trombotico che hanno determinato insuffcienza valvolare.

I fattori di rsichio associati all’IVC comprendono l’età, il sesso, la familiarità per vene varicose, l’obesità, la gravidanza, le flebiti e precedenti traumi agli arti inferiori.

Possono esservi anche fattori ambientali o comportamentali associati all’IVC, quali il rimanere per lunghi periodi in posizione eretta o seduta durante il lavoro d’ufficio. Esercita un’influenza anche la temperatura del luogo di lavoro. L’IVC colpisce prevalentemente il sesso femminile fino alla quinta-sesta decade, successivamente non si notano differenze tra i due sessi. Il rapporto tra varici e peso corporeo è stato esaminato da vari autori. Persone in sovrappeso, specie di sesso femminile, soffrono maggiormente di IVC e di malattia varicosa rispetto ad individui di peso normale.

CALVENZANO (BG) – MILANO

andreapreziosi@libero.it
www.andreapreziosi.docsite.it

« »