IL MIRTILLO (NERO) DEL BENESSERE

Apr 9 • CONSIGLI • 2594 Views • Nessun commento su IL MIRTILLO (NERO) DEL BENESSERE

I risultati di uno studio presentato da Coldiretti sul succo del caratteristico frutto dell’Appennino tosco-emiliano.

Il succo di mirtillo nero dell’Appennino modenese, nell’ambito di una dieta varia e bilanciata, può contribuire in modo efficace al benessere oculare e contribuire a limitare fattori di rischio cardiovascolare.
È quanto emerso da uno studio condotto da Coldiretti Modena presentato alla tavola rotonda “Nutraceutici a km 0. Alimenti locali per un sano stile di vita”. L’iniziativa è stata promossa all’interno del corso di formazione per i medici della regione Emilia Romagna sul tema degli alimenti nutraceutici e la salute cardiometabolica, organizzato, a sua volta, dalla Società italiana per lo studio dell’arteriosclerosi e dalla Società italiana di nutraceutica con il patrocinio dell’Università degli studi di Modena e Reggio Emilia.
La nutraceutica – disciplina che studia gli alimenti ai fini della loro funzione benefica sulla salute umana – ha individuato nel mirtillo nero numerosi effetti positivi. A un profilo nutrizionale caratterizzato da apporto calorico piuttosto contenuto, buone dosi di sali minerali (soprattutto potassio e calcio), vitamine A e C e diversi acidi, si accompagna un potenziale nutraceutico legato al miglioramento dell’acuità visiva crepuscolare e notturna (effetto neuroprotettivo sulle cellule retiniche), del profilo lipidico e della capacità antiossidante dell’organismo, oltre alle proprietà capillaroprotettive, antifiammatorie e antiflogistiche.
Mettendo a confronto il futuro delle nuove discipline scientifiche con una delle produzioni più caratteristiche dell’Appennino, le analisi presentate da Coldiretti hanno dunque messo in evidenza come il succo di mirtillo possa essere valido strumento per l’assunzione naturale di componenti importanti per la salute, senza ricorrere a integratori o prodotti di sintesi.
“Gli aspetti salutistici e nutrizionali dei prodotti del territorio – sottolinea il presidente di Coldiretti Modena, Francesco Vincenzi – sono valori a cui guarda con attenzione la nuova imprenditoria agricola. Su questi presupposti Coldiretti è impegnata da tempo nella realizzazione della filiera agricola tutta italiana che, attraverso le botteghe di Campagna Amica, i punti di Campagna Amica e i Mercati di Campagna Amica, assicura ai consumatori il vero made in Italy agroalimentare fatto di qualità, salubrità, rispetto dell’ambiente. Una rete nazionale che nella sola provincia di Modena conta ormai più di 100 punti vendita diretta aziendali sparsi su tutto il territorio provinciale”. La rete di Campagna Amica (che in Italia accredita 4.739 aziende agricole, 877 agriturismi, 1.105 mercati, 178 botteghe ai quali si aggiungono 131 ristoranti e 109 orti urbani) costituisce il punto d’incontro tra coltivatori e consumatori, tra qualità e convenienza. Un modo sicuro e conveniente di acquistare prodotti agricoli locali, freschi e gustosi che rispettano i cicli della natura e le tradizioni enogastronomiche del territorio, garantiti di persona da chi li ha coltivati. “Dopo il grande successo dei mercati e dei punti di vendita diretta di Campagna Amica – continua Vincenzi – abbiamo ampliato la nostra rete con le botteghe di Campagna Amica, la prima grande catena europea di vendita diretta organizzata degli agricoltori italiani di Coldiretti, grazie alla quale le specialità agricole alimentari italiane arriveranno direttamente nel cuore della città. Nelle botteghe è possibile acquistare solo prodotti a marchio Campagna Amica, ovvero agricoli e italiani, oltre a quelli artigianali a marchio Fai (Firmati dagli agricoltori italiani) che sono fatti solo con materie prime agricole italiane, tutti controllati e garantiti da un ente terzo di certificazione. Sul sito tutte le informazioni sui punti vendita Campagna Amica.

MODENA
tel. (+39) 059 3165711
www.campagnaamica.it
modena@coldiretti.it

« »