GLI SPECIALISTI DELLA CALCOLOSI COLECISTI COLEDOCICA

Set 5 • NEWS • 1549 Views • Nessun commento su GLI SPECIALISTI DELLA CALCOLOSI COLECISTI COLEDOCICA

Trattamenti innovativi al San Raaele di Milano grazie all’équipe del dottor Paolo Giorgio Arcidiacono

I calcoli della colecisti sono una patologia molto frequente (15% della popolazione adulta) con una prevalenza netta nel sesso femminile. Le cause maggiori sono il sovrappeso, così come il rapido dimagramento o fattori ormonali quali quelli indotti dalla gravidanza. Nella maggior parte dei casi i calcoli sono silenti, ovvero non presentano alcun sintomo. In una piccola percentuale di casi, invece, quando sono multipli e di piccole dimensioni, nel corso di una colica biliare possono migrare dalla co- lecisti nel coledoco e occluderlo insieme al dotto pancreatico nel loro sbocco in duodeno dando origine a una grave complicanza: la pancreatite acuta biliare. La pancreatite è un infiammazione acuta del pancreas che può avere diversa gravità fino a forme severe che possono portare a morte. Per questo motivo si consiglia la rimozione della colecisti in pazienti che abbiano avuto coliche biliari, affidandosi sempre a centri specialistici. “Prima di rimuovere la colecisti è di fondamentale importanza avere la certezza di non lasciare calcoli all’interno del coledoco che potrebbero causare la pancreatite acuta – afferma il dottor Paolo Giorgio Arcidiacono, Primario dell’Unità Operativa complessa di Endoscopia Bilio-Pancreatica ed Ecoendoscopia dell’Ospedale San Raffaele di Milano -. L’esame più sensibile è l’ecoendoscopia che identifica con precisione calcoli anche millimetrici, addirittura la ‘sabbia’ all’interno del coledoco. Nel nostro centro – precisa il dottore – l’équipe che dirigo esegue nella stessa sessione in sedazione profonda per il massimo confort e sicurezza del paziente, la diagnosi della calcolosi del coledoco e, in caso di positività, la terapia endoscopica con rimozione dei calcoli. Questo permette al paziente di affrontare l’intervento di colecistectomia laparoscopica nella medesima giornata in cui è stato sottoposto al trattamento endoscopico con accorciamento dei tempi di degenza e riduzione della morbilità post intervento”. L’Uoc di Endoscopia Bilio-Pancreatica ed Ecoendoscopia del San Raffaele con circa 2000 ecoendoscopie effettuate all’anno (sia diagnostiche sia operative) rende il Centro il maggiore a livello italiano come riferimento per queste procedure. Le linee di ricerca in cui il Centro svolge la sua maggiore attività con collaborazioni a livello nazionale e internazionale sono la diagnosi precoce delle neoplasie solide e cistiche del pancreas, la terapia ablativa locale sotto guida ecoendoscopica del tumore del pancreas, la patologia benigna e maligna delle vie biliari.

 

MILANO

« »