DIAGNOSI DI SALUTE, NON DI MALATTIA

Giu 13 • IN PRIMO PIANO • 1320 Views • Nessun commento su DIAGNOSI DI SALUTE, NON DI MALATTIA

Alla Tenuta Ippocrate, un team di specialisti valuta le reali condizioni della persona, in una visione olistica.
Con le relative soluzioni: dieta, attività fisica, vinoterapia & C

Gli ultimi studi sui meccanismi che regolano funzionalità e longevità del corpo, dimostrano che “la nostra salute è gestita da un SuperSistema, il Sistema Psico-Neuro- Immuno-Endocrino, che coordina e sincronizza i vari organi e apparati, al fine di permettere la migliore sopravvivenza possibile nell’ambiente in cui il corpo si trova ad agire”, spiega il dottor Rocco Fusco, ideatore del progetto “Tenuta Ippocrate”, mentre pone le premesse per illustrare il concetto di salute e benessere alla base della sua professione medica. Gli stimoli ambientali che dialogano con questo “SuperSistema” sono gli alimenti, l’attività fisica e lo stress psico-sociale. “In tale visione avanzata della funzionalità corporea – continua il dottor Fusco -, questi stimoli sono dei veri e propri modulatori, in grado di portare il corpo verso uno stato di massima funzionalità, cioè di salute, o, al contrario, verso la malattia”. Dopo la laurea in Medicina nel 1985 e la specializzazione in Medicina dello sport nel 1988, entrambe conseguite all’Università di Napoli, il dottor Fusco ha seguito diversi corsi di specializzazione, tra i quali ricordiamo quelli di Mesoterapia, Manipolazione Vertebrale, Posturologia, Medicina Estetica, ed è stato medico nei reparti di Ortopedia e Traumatologia, negli ospedali di Ariano Irpino e Benevento. Nel 2008 si è volontariamente licenziato, dopo che aveva cominciato a maturare l’idea di un approccio diverso sul modo di valutare il paziente e sulla conseguente strategia terapeutica.  creato, così, ad Avellino il centro medico “La salute”. In virtù dell’attività formativa maturata frequentando l’Open Academy of Medicine, scuola di alta formazione post-laurea nel settore delle Neuroscienze, NeuroImmunoModulazione, Nutrizione Clinica, Riabilitazione Fisico-Motoria, e dell’incontro con Antonella Perrino, laureata in Economia aziendale con una tesi che valutava la possibilità e la necessità di sviluppare, in Irpinia, attivitàproduttive ecosostenibili, ha elaborato un nuovo concetto di salute e di benessere, che si è trasformato nel progetto Tenuta Ippocrate.

“Solo in questa condizione e in questo ambiente è possibile applicare, e mettere in essere, un sistema di reale valutazione dello stato di salute del paziente, una valutazione che sia innanzitutto clinica, multidisciplinare ed olistica, ma anche strumentale ed oggettiva, grazie all’uso di tecnologie diagnostiche avanzate, non invasive, ma soprattutto non tossiche, né nocive, quali l’impedenziometria e la PPG Stress Flow”, sottolinea. Solo così, “è possibile prescrivere, e far vivere ai pazienti, dei protocolli terapeutici che, grazie agli effetti immuno-endocrini degli alimenti, dell’attività fisica e delle tecniche di gestione dello stress, modulano struttura e funzionalità del corpo, portandolo verso la composizione ideale, cioè verso la salute. È questo un percorso terapeutico che va all’origine del problema, portando il paziente verso la guarigione, non semplicemente a mascherare i sintomi, come spesso succede con la sola terapia farmacologica”. Il progetto Tenuta Ippocrate si ispira alla filosofia ippocratica che già nel V secolo a.C. recitava: “Fa’ che il cibo sia la tua medicina e la medicina il tuo cibo”.

prosegui la lettura da pag. 38 del numero di maggio 2017

« »