APPROCCIO INTEGRATO ALL’ONCOLOGIA

Dic 20 • NEWS • 2663 Views • Nessun commento su APPROCCIO INTEGRATO ALL’ONCOLOGIA

Grande competenza, professionalità ed empatia: strumenti principe del dottor Tommaso Savio contro i tumori al seno

Da quasi 30 anni si occupa di patologie tumorali. Come senologo e come chirurgo oncologico. Tommaso Savio, dopo la laurea conseguita a Messina è arrivato, nel 1987 a Milano dove, all’Istituto Nazionale dei Tumori, ha iniziato la sua carriera al fianco di Bruno Salvadori, tra massimi esperti al mondo di tumori alla mammella che in quegli anni dirigeva il reparto di Chirurgia Generale, impegnandosi sia sul fronte clinico sia su quello scientifico. “La mia fortuna – dice Tommaso Savio – è stata proprio quella di aver avuto a fianco professionisti del calibro di Bruno Salvadori e Fabio Cusumano che mi hanno fatto crescere sia dal punto di vista professionale sia umano”. Nel 1999 i tre professionisti hanno lasciato l’Istituto Nazionale Tumori e si sono trasferiti al Policlinico San Marco, Zingonia (BG), dove hanno dato vita a una specifica Unità Operativa per le patologie oncologiche riguardanti il seno, la tiroide, la pelle (melanomi) e i tessuti molli. Oggi il dottor Savio è il referente di questa Unità nella quale i pazienti vengono presi per mano e accompagnati durante tutto il loro percorso diagnostico e terapeutico. “Per quello che riguarda le patologie al seno – dice Savio – l’assistenza è a tutto tondo, dalla diagnosi, alla chirurgia demolitiva, a quella ricostruttiva e alle terapie successive all’intervento. Per gli altri tipi di tumori i pazienti arrivano con una diagnosi già effettuata dai reparti di endocrinologia e dermatologia e affrontano qui da noi il percorso chirurgico e terapeutico”. Il dottor Savio ha la particolarità di essere sia oncologo sia chirurgo. Cosa che gli permette di avere una visione dei problemi a 360 gradi. “Per me la relazione con i pazienti viene prima di ogni cosa. Si tratta di persone che stanno vivendo una situazione difficile e delicata. Sono consapevole di quanto loro si aspettino da me in termini di comprensione, competenza e professionalità. Proprio per questo, nella nostra Unità, teniamo conto di tutti gli aspetti che riguardano chi si ammala di una grave malattia. In questo abbiamo sicuramente anticipato le nuove direttive relative all’istituzione di Breast Unit in Italia”…

 

>> Leggi di più a pagina 52 del numero di Ottobre 2015

 

« »